ENI: metterà a disposizione API Enjoy per il servizio di ricerca delle auto.

IBM: metterà a disposizione
• degli account Bluemix validi per la durata dell’hackathon
• 10 sensor tag di Texas Instruments
• Inoltre ci saranno dei webinar gratuiti in data 29/09 e 06/09 che possono facilitare l’utilizzo della tecnologia Bluemix per la realizzazione delle challenge promosse, di seguito i link:
29/09/2016 – IBM BlueMix – The BigHack Eneblement
06/10/2016 – IBM BlueMix – The BigHack Eneblement

La registrazione del webinar del 29/09 è disponibile qui sotto:
Enablement alla piattaforma BlueMix ed alle challenge IBM con esempi pratici in Java, Node.JS, DB, Watson Visual Recogntion (AlchemyAPI) e IoT

Webinar con Demo su strumenti DevOps: https://youtu.be/rioAEUzwh-E
Webinar con Demo su IoT: https://youtu.be/NaHyUE9uqFI
Webinar con Demo su Mobile (front-end MFP : back-end BlueMix): https://youtu.be/YCuynDxr5gs

Codice di esempio sull’utilizzo di AlchemyAPI:
https://github.com/framingeinstein/node-alchemy
https://github.com/AlchemyAPI/alchemyapi_node
https://github.com/ssbanchi/DemoAlchemyAPI

Codice di esempio sull’utilizzo di IoT Cloud Foundation:
Node.JS – IoT: https://github.com/ssbanchi/DemoIoT
Tutorial IoT: http://www.ibm.com/developerworks/library/mo-connectedcar-app/index.html

Node.JS – RestFull WS: https://github.com/ssbanchi/DemoNodeJSRest
Java – WebApp – DB2: https://github.com/ssbanchi/DemoJavaDB2

REGIONE LAZIO: REGIONE LAZIO: metterà a disposizione dei partecipanti i dataset relativi alla sanità pubblicati sul portale Open Data della Regione Lazio https://dati.lazio.it/it.
 
Il portale  fornisce delle API per l’interrogazione dei dati esposte tramite attraverso servizi  RESTful.
 
Per effettuare una query è necessario innanzitutto inviduare l’ID del dataset che si vuole interrogare, navigando direttamente il sito e prelevandolo dalla url: (L’ID e’ l’ultima parte dell’URL)
 
Esempio:

DATASET PRONTO SOCCORSO:  http://dati.lazio.it/catalog/it/dataset/pronto-soccorso-accessi-in-tempo-reale/resource/4a5a084c-b63c-4f4d-b3f0-b1163c0ad077
 
(ID: 4a5a084c-b63c-4f4d-b3f0-b1163c0ad077)
 
Una volta ottenuto l’ID si può interrogare il catalogo attraverso il servizio REST (la risposta è in JSON)
Esempio:
http://dati.lazio.it/catalog/api/action/datastore_search?resource_id=4a5a084c-b63c-4f4d-b3f0-b1163c0ad077
 
Aggiungendo parametri alla querystring si possono aggiungere criteri di ricerca più selettivi rispetto all’esempio precedente.
Di seguito sono riportate diverse possibili utilizzi delle API:
 
Esempio di query (primi 5 risultati)
http://dati.lazio.it/catalog/api/action/datastore_search?resource_id=4a5a084c-b63c-4f4d-b3f0-b1163c0ad077&limit=5
Esempio di query (risultati che includono ‘GIALLI’)
http://dati.lazio.it/catalog/api/action/datastore_search?resource_id=4a5a084c-b63c-4f4d-b3f0-b1163c0ad077&q=GIALLI

 
I parametri possibili per le query di search sono disponibili qui:
http://docs.ckan.org/en/ckan-1.7.4/apiv3.html#search-api

REGIONE CAMPANIA: geodati relativi ai temi Ambiente e Cultura/Turismo resi disponibili su piattaforma I-Ter, possibilità di interrogare dati provenienti da: sensori IoT, iBeacon, flussi video live streaming.

Ai partecipanti all’hackathon l’organizzazione metterà a disposizione alcune Arduino UNO, Arduino Leonardo, Arduino YÚN, Genuino 101, Photon, Raspberry, UDOO Dual e Quad, Lillypad Wearable Kit, Estimote Proximity Beacons Developer Kit e diversi sensori (distanza, movimento, temperatura, etc…) compatibili con queste piattaforme.

Per poter realizzare agilmente il tuo prototipo ti invitiamo comunque a portare con te all’evento tutto quello che pensi possa servire alla realizzazione del tuo progetto come ad esempio PC, schede di prototipazione (quelle con cui hai più dimestichezza completi di cavi USB), componenti base (quali breadboard, jumper, resistenze, diodi e condensatori, potenziometri, switch, sensori, attuatori, etc…), strumenti (multimetro, pistola per colla a caldo, battery pack per cellulari, etc…) e magari dei materiali per creare supporti (compensato, cartone, fil di ferro, materiali di riciclo).

Ricordiamo inoltre di portare un documento d’identità per poter prendere in prestito i materiali messi a disposizione.